“Abbiamo scelto di usare i tappi alternativi su bianchi rosati e su rossi non necessariamente giovani, ma anche che hanno una certa evoluzione, proprio perché su quei vini abbiamo necessità di avere certezza che ogni bottiglia sia identica all’altra” - Marco Mascellani, enologo di Leone de Castris